Immagine Ricerca

SSD - Scienze economiche e statistiche

SECS-P/01 - ECONOMIA POLITICA (EX: P01A - ECONOMIA POLITICA, P01E - ECONOMETRIA, P01F - ECONOMIA MONETARIA, P01G - ECONOMIA INTERNAZIONALE, P01H - ECONOMIA DELLO SVILUPPO)

Il settore raggruppa le discipline aventi per oggetto quello di spiegare teoricamente i fenomeni economici a livello micro-economico e macro-economico, ricorrendo sia a metodi induttivi che deduttivi, sia statici che dinamici. Tali discipline devono servire come fondamento analitico per le indagini applicate e per gli interventi nel campo della politica economica e dell’economia pubblica. Principali campi di indagine sono la teoria del consumatore, dell’impresa, dei mercati e dell’equilibrio generale; l’analisi macro-economica dei mercati reali, monetari e finanziari; la teoria dell’economia internazionale sia reale che monetaria; la teoria della crescita e dei cicli economici.

SECS-P/02 - POLITICA ECONOMICA (EX: P01B - POLITICA ECONOMICA, P01F - ECONOMIA MONETARIA, P01G - ECONOMIA INTERNAZIONALE, P01H - ECONOMIA DELLO SVILUPPO, P01I - ECONOMIA DEI SETTORI PRODUTTIVI, P01J - ECONOMIA REGIONALE)

Il settore raggruppa le discipline economiche aventi per oggetto gli obiettivi, gli strumenti ed i modi di intervento dello Stato, delle Banche Centrali nonché di altre Autorità indipendenti, sia nazionali che sovranazionali. I principali campi di indagine sono costituiti dallo studio, anche comparato, delle politiche monetarie e di bilancio; delle politiche di programmazione degli aggregati macro-economici, dei redditi, del mercato del lavoro, delle attività educative e culturali; delle politiche internazionali e del loro coordinamento; delle funzioni e del ruolo delle istituzioni economiche.

SECS-P/03 - SCIENZA DELLE FINANZE (EX: P01C - SCIENZA DELLE FINANZE)

Il settore ha come ambito di ricerca lo studio del settore pubblico dell’economia e delle sue interazioni con quello privato, condotto soprattutto mediante l’applicazione dell’analisi economica, anche in chiave comparatistica. Tematiche d’indagine sono la formazione delle scelte collettive, la giustificazione dell’intervento pubblico, l’organizzazione della produzione di beni pubblici e collettivi, la struttura territoriale del settore pubblico, nonchè gli aspetti macro- e micro-economici dell’intervento pubblico nell’economia, mediante politiche di bilancio e/o di regolamentazione (politica fiscale, ambientale, sanitaria, previdenziale), l’imposizione tributaria e lo studio della sua incidenza, la fornitura, produzione e finanziamento dei servizi pubblici.

SECS-P/04 - STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO (EX: P01A - ECONOMIA POLITICA, P01D - STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO)

La storia del pensiero economico si definisce come ambito di ricerca sia con riferimento ai contenuti che alla metodologia adottata. Per quanto riguarda i contenuti, essa ricostruisce lo sviluppo nel tempo delle teorie e delle idee economiche, anche in relazione al contesto scientifico culturale in cui sono state formulate; la trasmissione del sapere economico attraverso l’insegnamento, le pubblicazioni e la partecipazione alle associazioni scientifiche; le interrelazioni tra le teorie e le visioni del sistema economico e i progetti e le realizzazioni di politica economica. Per quanto riguarda il metodo, la ricerca si fonda sulla padronanza degli strumenti analitici, interpretativi e filologici necessari a collocare i problemi e i personaggi studiati nella loro prospettiva storica.

SECS-P/05 - ECONOMETRIA (EX: P01B - POLITICA ECONOMICA, P01E - ECONOMETRIA)

Il settore comprende le discipline riguardanti lo studio e l’applicazione dei metodi quantitativi, anche inferenziali, per l’analisi teorica ed applicata dei fenomeni economici. Include, inoltre, i metodi matematici per le applicazioni economiche. I principali campi di indagine sono l’econometria, l’econometria applicata, l’analisi economica congiunturale, l’economia matematica, i metodi econometrici.

SECS-P/06 - ECONOMIA APPLICATA (EX: P01B - POLITICA ECONOMICA, P01I - ECONOMIA DEI SETTORI PRODUTTIVI, P01J - ECONOMIA REGIONALE)

Il settore raggruppa le discipline che riguardano lo studio della struttura economica con particolare riferimento alle aree geografiche, ai settori produttivi e all’evoluzione demografica. I principali campi di indagine sono i processi dello sviluppo; l’analisi dei settori produttivi; i problemi territoriali dello sviluppo, della localizzazione e della programmazione; l’economia dell’innovazione.

SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE (EX: P02A - ECONOMIA AZIENDALE)

Il settore si caratterizza per il riferimento ai problemi della funzionalità economica duratura delle aziende di qualsiasi tipo (operanti nei diversi settori dell’economia, profit e non profit) e delle amministrazioni pubbliche. Vede la presenza di due campi di competenze strettamente collegati. Le competenze di economia aziendale comprendono teoria dell’azienda e degli aggregati di aziende, strategie e politiche aziendali, analisi e progettazione delle strutture e dei processi aziendali, etica aziendale e bilancio sociale, comparazioni internazionali e dottrinali, valutazioni, revisione e consulenza aziendale. Le competenze ragioneristiche sono rivolte alle determinazioni quantitative, valutazione, analisi e utilizzo di dati nei processi decisionali e di controllo, comprendono contabilità e bilancio (ivi incluse revisione contabile e analisi finanziaria di bilancio), contabilità per la direzione (analisi dei costi, programmazione e controllo), storia della ragioneria.

SECS-P/08 - ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (EX: P02B - ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE)

Il settore si occupa, a fini didattici e di ricerca, della gestione e direzione delle aziende di produzione di beni e servizi, sia con riferimento al sistema d’impresa e alle aree funzionali di esso, sia a imprese in tipici settori di attività industriale, commerciale e dei servizi. Particolare evidenza assumono il campo delle decisioni dei dirigenti e delle operazioni aziendali e quello delle relazioni tra sistema d’impresa e sistema competitivo. In posizione di centralità si colloca l’economia e gestione delle imprese, sia negli aspetti istituzionali sia con riferimento a specifici settori e rami di attività. In quest’ambito, assumono fondamentale importanza economia e gestione dell’innovazione, strategie d’impresa, economia e tecnica degli scambi internazionali, marketing, tecniche di gestione degli investimenti e finanziamenti, nonché economia e gestione del settore cooperativo e direzione delle organizzazioni non aventi fine di profitto.

SECS-P/09 - FINANZA AZIENDALE (EX: P02C - FINANZA AZIENDALE)

Il settore si caratterizza, rispetto alle discipline di management sia generaliste che settoriali, per essere una funzione trasversale e pervasiva rispetto alle altre funzioni aziendali, sia in termini di informazioni rilevanti che di processi decisionali. Accoglie, oltre alla finanza aziendale nazionale ed internazionale propriamente dette, l’analisi finanziaria dei flussi monetari delle imprese, i finanziamenti d’azienda, la finanza straordinaria, la gestione dei rischi finanziari nell’ottica delle aziende, l’allocazione delle risorse finanziarie nel rispetto dell’obiettivo della creazione di valore, la finanza immobiliare e la gestione delle posizioni finanziarie attive degli operatori.

SECS-P/10 - ORGANIZZAZIONE AZIENDALE (EX: P02D - ORGANIZZAZIONE AZIENDALE)

Il settore affronta le problematiche di progettazione, implementazione e conduzione delle strutture e dei sistemi operativi connessi ai comportamenti delle persone nell’organizzazione di aziende di qualunque tipo (profit, non profit, industria, servizi, professioni) che operano sotto il vincolo di efficienza e di efficacia. Gli studi concernono le forme e i meccanismi organizzativi che realizzano a livello strutturale il coordinamento tra unità specializzate; la traduzione organizzativa delle strategie e la gestione del cambiamento organizzativo; l’organizzazione del lavoro e dei processi operativi per la produzione di beni e servizi; i ruoli e compiti degli individui e dei gruppi di lavoro; l’organizzazione dei sistemi informativi, il loro impatto sui comportamenti individuali e di gruppo e sulle relazioni tra unità organizzative interne ed esterne; la gestione delle risorse umane e sistemi di incentivazione e controllo; l’evoluzione delle forme, delle popolazioni organizzative e degli strumenti teorici elaborati per spiegarne e prevederne comportamenti e prestazioni.

SECS-P/11 - ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (EX: P02E - ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI)

Il settore raggruppa le competenze in materia di struttura e funzionamento del sistema finanziario, inteso come insieme organizzato di intermediari, strumenti e mercati finanziari. Oggetto di attenzione sono i modelli di comportamento economico, gestionale ed operativo degli intermediari finanziari, bancari, previdenziali e assicurativi, nonché l’organizzazione e il funzionamento del sistema dei pagamenti e dei mercati mobiliari. I contenuti del settore riguardano modelli e tecniche di gestione dei rischi finanziari, creditizi ed assicurativi, analisi dei fabbisogni finanziari delle imprese e modalità della loro copertura, caratteristiche e tecnica delle operazioni bancarie, modelli, valutazione e pricing degli strumenti finanziari, modelli di ottimizzazione delle combinazioni attivo/passivo, analisi di efficienza dei sistemi e dei mercati finanziari. Dal punto di vista metodologico, il settore si avvale dei contributi dell’economia aziendale e della finanza, di un forte orientamento all’analisi empirica ed ai temi di ricerca applicata.

SECS-P/12 - STORIA ECONOMICA (EX: P03X - STORIA ECONOMICA)

Il settore offre un contributo ineliminabile al sapere economico ed aziendale per affrontare e interpretare i processi formativi nei campi della storia dell’agricoltura, dell’impresa, del lavoro, della popolazione, della finanza, del commercio e dei trasporti. La padronanza delle leggi per la comprensione delle variabili nei sistemi economici di domanda e offerta di beni, formazione dei prezzi, funzionamento dei mercati, costi e allocazione dei fattori della produzione e la capacità di interpretare e valutare mediante appropriati strumenti l’impatto delle scelte sui sistemi produttivi e sociali del passato e del presente, accanto alla tipicità della metodologia storica, anche quantitativa, basata sull’uso degli strumenti analitici derivanti dai principi della statistica, dell’econometria, della contabilità, rappresentano elementi che conducono ad un approccio esclusivo alle fonti edite ed inedite.

SECS-P/13 - SCIENZE MERCEOLOGICHE (EX: C01B - MERCEOLOGIA)

Il settore ha come obiettivo quello di raccogliere il corpo omogeneo ed unitario di campi di ricerca ruotanti intorno al fenomeno della produzione di merci, nell’iter che va dallo studio, analisi e valutazione delle risorse alle tecnologie di produzione e di trasformazione, con le conseguenti implicazioni sulla qualità e sull’ambiente, ivi inclusi i sistemi di gestione e certificazione ambientale. Utilizza strumenti propri e specifici di natura economico-tecnica.

SECS-S/01 - STATISTICA (EX: S01A - STATISTICA)

Il settore affronta le problematiche relative all’analisi dei dati, al disegno e alla realizzazione di indagini ed esperimenti nei diversi settori applicativi, a fini descrittivi, interpretativi e decisionali. Include quindi gli sviluppi teorici e metodologici propri della statistica descrittiva, esplorativa ed inferenziale nelle loro diverse articolazioni quali statistica matematica, teoria dei campioni, piano degli esperimenti, analisi statistica dei dati multivariati, analisi statistiche delle serie temporali e spaziali; di tali sviluppi sono parte integrante le moderne problematiche relative alla gestione ed elaborazione informatica dei dati.

SECS-S/02 - STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE E TECNOLOGICA (EX: S01B - STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE)

Il settore si caratterizza per una specifica attenzione alle moderne problematiche statistiche sorte nell’ambito delle scienze sperimentali (statistica e calcolo delle probabilità, progettazione e analisi degli esperimenti) ed in particolare dell’ingegneria (affidabilità, controllo statistico di qualità) e delle scienze biomediche (antropometria, biometria, statistica medica). I principali campi applicativi riguardano la tecnologia, la sicurezza, l’ambiente, il territorio, i processi produttivi, i prodotti, le risorse naturali.

SECS-S/03 - STATISTICA ECONOMICA (EX: S02X - STATISTICA ECONOMICA)

Il settore si incentra sulla "misurazione" ed analisi statistica dei fenomeni economici latamente intese: dalla misura di grandezze e di sistemi di grandezze economiche (contabilità nazionale), all’analisi della dinamica e alle previsioni economiche, alla stima e verifica di modelli di comportamenti economici, alla valutazione di politiche. Elaborazione di sistemi e modelli di riferimento, progettazione e gestione di sistemi di dati e indicatori economici, sviluppo e impiego di appropriati metodi statistici per lo studio empirico-quantitativo del comportamento economico, in chiave sezionale, spaziale e temporale costituiscono elementi fondanti del settore, ai vari livelli (dal micro al macroeconomico). Specifica attenzione viene riservata anche alle analisi di mercato, alla gestione e alle decisioni aziendali, con particolare riguardo al controllo statistico e alla valutazione della qualità dei prodotti e dei servizi.

SECS-S/04 - DEMOGRAFIA (EX: S03A - DEMOGRAFIA)

Il settore si incentra sullo studio delle caratteristiche strutturali e dei processi evolutivi delle popolazioni umane. La specificità delle metodologie e dei fondamenti dell’analisi demografica, lo sviluppo delle statistiche sulla popolazione e l’ampliamento delle aree di intervento delle politiche di popolazione ne fanno un insieme fortemente caratterizzato nel panorama degli studi statistici italiani ed internazionali. Lo studio dei comportamenti delle popolazioni e i fondamenti dell’analisi demografica seguono linee metodologiche trasversali e considerano approcci storici, bio-antropologici ed economico-sociali.

SECS-S/05 - STATISTICA SOCIALE (EX: S03B - STATISTICA SOCIALE)

I campi di interesse del settore sono quelli concernenti lo studio dei metodi statistici per le scienze del sociale, con le specificità che natura e caratteristiche dei fenomeni sociali e sanitari impongono nelle fasi della raccolta delle informazioni e delle analisi descrittive e inferenziali. Le problematiche riguardano progettazione e gestione di indagini campionarie e sondaggi demoscopici; programmazione e valutazione dei servizi sociali e sanitari; rilevazione ed analisi statistica dei comportamenti e motivazioni soggettive, anche di genere, in svariati campi (processi educativi, espressioni di voto, mobilità sociale e turistica, sport, tempo libero e comunicazione, psicologia, attività forense).

SECS-S/06 - METODI MATEMATICI DELL’ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE (EX: S04A - MATEMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE, S04B - MATEMATICA FINANZIARIA E SCIENZE ATTUARIALI)

La ricerca del settore è principalmente orientata sia verso l’individuazione sia verso lo sviluppo di metodi e strumenti matematici, ivi incluse le tecniche di calcolo e di elaborazione dei dati, utili nella costruzione e nell’analisi dei modelli e dei problemi relativi alla gestione aziendale; alle scienze economiche e sociali; alla finanza; alle scienze attuariali; alle scelte individuali, strategiche e collettive; all’analisi dei mercati; alla gestione del rischio. I principali campi di insegnamento del settore comprendono tutte le materie in cui la matematica e le tecniche di calcolo o di elaborazione dei dati sono esplicitamente motivate o contribuiscono in modo rilevante all’analisi di problemi economici, finanziari, attuariali, aziendali o nelle scienze sociali.

Condividi / Share

W3C Amministrazione Trasparente Codice Comportamento Dipendenti Pubblici Rete WI-FI e Servizio Proxy Posta Elettronica Certificata Albo ufficiale di Ateneo ECDL - Patente europea per il computer

ACCESSIBILITÀ | PRIVACY | NOTE LEGALI | DATI DI MONITORAGGIO | ELENCO SITI TEMATICI